CRIF Ratings ha ospitato “Il Caminetto dei CFO”, uno degli incontri periodici dei CFO delle principali aziende bolognesi.

Il programma “Il Caminetto dei CFO” da alcuni anni prevede una serie di incontri tra CFO dell’area Bolognese organizzata da MeA Consulting in collaborazione con il professor Carlo Boschetti, Direttore del Dipartimento di Scienze Aziendali dell’Università di Bologna, il professor Lipparini dell’Università di Bologna e Unicredit. Agli incontri partecipano CFO di primarie aziende bolognesi, docenti universitari, consulenti ed esperti di settore; i confronti, che nascono intorno ad una virtuale tavola rotonda, vertono su specifici argomenti tecnici e sono supportati da testimonianze su casi ed eventi reali.

CRIF ha avuto il piacere di ospitare il 7 febbraio 2018 uno degli ultimi incontri con più di 30 partecipanti, tra i quali Gima TT, Gruppo Fabbri Vignola, Montenegro, IGD, Coesia, Bonfiglioli, Beghelli, …

L’introduzione su obiettivi e tematiche del CFO Caminetto è stata di Laura Amadesi, partner di MEA Consulting, che ha presentato l’agenda del pomeriggio incentrata su due argomenti principali: Il Private Equity e il processo di quotazione in Borsa; Sono seguiti i saluti di Daniele Filippi, direttore commerciale di CRIF Ratings, che ha collaborato nell’organizzazione dell’evento e ha aperto i lavori del pomeriggio.

Prima di entrare nel merito degli argomenti in agenda il dott. Attilio Lentati, Senior Advisor di CRIF, ha fatto una breve e puntuale panoramica sul ruolo del mercato dei capitali come opportunità per diversificare le fonti di finanziamento per le imprese, e per incrementare i ricavi da servizi per le banche recuperando una redditività sempre più compressa nell’ambito della erogazione del credito. In questo contesto il rating si pone come strumento di trasparenza ed educazione finanziaria per tutti gli attori del mercato e come parere terzo sugli aspetti chiave che impattano il rischio di business e finanziario di un’impresa.

Mario Saccone, CFO di GVS ha raccontato cosa significa avere un Fondo di Private Equity nel capitale, quale Governance implementare, come gestire le relazioni, quali sono i vantaggi e svantaggi. Data l’esperienza maturata da GVS, la discussione si è naturalmente spostata sulle principali criticità che una crescita per acquisizione comporta: cosa significa acquisire una azienda, magari dall’altra parte del mondo, e come assicurare in tempi adeguati il corretto processo di integrazione per capitalizzare il valore creato.

Con Alberto Francois, CFO del Gruppo Valentini, il focus è stato sul processo di quotazione in Borsa. Il Gruppo Valentini ha, infatti, quotato all’AIM lo scorso 26 settembre 2017 la Neodecortech, società che produce e distribuisce sul territorio nazionale e internazionale un’ampia gamma di prodotti nel settore della carta decor e nel mercato dei c.d. pannelli nobilitati. Avendo gestito in prima persona tutta l’attività di quotazione, Alberto ha condiviso con i partecipanti tutte le informazioni utili per essere preparati ad affrontare un passaggio importante come quello della quotazione: gli step del processo, i costi da sostenere, gli attori coinvolti, cosa e quando comunicare al mercato, ….

I lavori si sono chiusi con un efficace networking conviviale tra i partecipanti con un proficuo scambio di idee e riflessioni sulle principali tematiche della finanza di impresa.