L’imposta di soggiorno supererà i 600 milioni di euro nel 2019

Grazie agli accordi con le piattaforme di home sharing, i maggiori flussi turistici e lo sblocco delle aliquote, il gettito dell’imposta sta acquisendo un peso sempre più rilevante sulle entrate dei comuni e continuerà a crescere anche nel 2019

__________________

Dall’analisi sui bilanci dei Comuni italiani elaborata da CRIF Ratings emerge che nel corso del 2018 il gettito totale derivante dall’imposta di soggiorno si è attestato a circa EUR 550m, in aumento del 25% rispetto al 2017. Il principale driver alla base dell’imposta è da ricercarsi nei flussi turistici e nel numero di arrivi (clienti ospitati negli esercizi ricettivi), in costante crescita a livello nazionale. “Nel 2019 il gettito dell’imposta è destinato a crescere ulteriormente fino a superare i 600 milioni di euro”, afferma Marco Bonsanto, Associate Director presso CRIF Ratings.

Dopo un 2018 che già ha beneficiato dell’incremento dei maggiori flussi turistici e della deroga al blocco dei tributi locali per il periodo 2016-2018 relativamente all’’imposta di soggiorno e la conseguente istituzione ex novo o la rimodulazione delle aliquote da parte dei comuni, “nel 2019 contribuiranno al gettito per l’intero anno gli accordi con le piattaforme di home sharing, dato che città quali Torino, Milano, Venezia, Firenze, Roma e Napoli ne hanno beneficiato solo in maniera parziale nel 2018, avendo concluso gli accordi in corso d’anno”, aggiunge Marco Bonsanto.

Se a livello regionale quasi il 70% delle risorse confluiscono in quattro regioni (Lazio: 28%; Veneto: 14%; Lombardia: 13%; Toscana: 12%), le recenti novità hanno consentito a Regioni quali l’Emilia-Romagna, la Liguria, l’Abruzzo e la Sardegna di incrementare il valore assoluto riscosso dell’imposta di soggiorno di più del 50% nel corso del 2018 e al Friuli Venezia Giulia di istituirla. A livello di singoli comuni invece, il 55% delle risorse viene riscosso tra Torino, Milano, Venezia, Bologna, Firenze, Roma e Napoli. Il beneficio aggiuntivo sui bilanci dei suddetti comuni è stato di 50 milioni di euro nel 2018.

Fin dalla sua istituzione nel 2012 (2011 per Roma Capitale), l’imposta rappresenta sempre più un’importante fonte di gettito tributario per le casse comunali. In generale il peso percentuale sulle entrate correnti (somma tra entrate tributarie, extra tributarie e trasferimenti correnti) si è incrementato passando dal 2% in media nel periodo 2013-2014 al 2,8% nell’ultimo biennio (2017-2018).

È tutto oro quel che luccica? Indubbiamente i benefici per i piccoli comuni (popolazione inferiore ai 5.000 abitanti) sono stati notevoli, con aumenti del gettito del 40% in media negli ultimi 5 anni. “Per contro, l’esposizione verso l’imposta e il peso relativo rispetto alle entrate correnti pone una forte dipendenza rispetto ai cicli turistici. Per i comuni di minori dimensioni infatti l’imposta vale in media il 10% delle entrate correnti nel biennio 2017-2018”, conclude Bonsanto.

 

Analista

Marco Bonsanto
Associate Director –Rating Department
Tel.: +39.051.4176871
Email: m.bonsanto@crif.com

______________________________________

DISCLAIMER

Tutte le analisi e le affermazioni contenute in questa pubblicazione devono essere considerate unicamente come l’opinione di CRIF Ratings alla data in cui sono espresse. Non devono essere in nessun caso considerate raccomandazioni di acquisto, detenzione o vendita di titoli finanziari o riguardo a decisioni di investimento. Tutte le informazioni e i dati contenuti in questa pubblicazione sono protetti dalla legge e nessuna di queste informazioni può essere copiata o in altro modo riprodotta, modificata, ritrasmessa, disseminata o rivenduta, o archiviata per uso successivo per uno dei suddetti scopi in alcuna forma o maniera o tramite alcun mezzo, in tutto o in parte, da alcuna persona senza previa autorizzazione scritta di CRIF Ratings.

CRIF Ratings adotta tutte le misure necessarie affinché le informazioni utilizzate nelle proprie analisi e ricerche siano complete, affidabili e di adeguata qualità; ciò nonostante, CRIF Ratings non è responsabile dell’accuratezza delle informazioni usate per definire tale pubblicazione e non svolge attività di audit su tali informazioni.